Carnevale in Sicilia: maschere, colori e sfilate tra i ritmi e i sapori dell’isola

Sicilia, terra di tradizioni sacre e “profane” Da più si 400 anni ad Acireale, cittadina in provincia di Catania a pochi chilometri di distanza da Taormina, si celebra il rito del carnevale più antico dell’isola. La prima edizione, infatti, è datata 1594, anno al quale risale il primo documento ufficiale che cita la manifestazione su […]

Sicilia, terra di tradizioni sacre e “profane”

Da più si 400 anni ad Acireale, cittadina in provincia di Catania a pochi chilometri di distanza da Taormina, si celebra il rito del carnevale più antico dell’isola. La prima edizione, infatti, è datata 1594, anno al quale risale il primo documento ufficiale che cita la manifestazione su un mandato di pagamento di quell’epoca.

Quest’anno, a partire dal 3 febbraio fino al giorno di martedì grasso, in programma dieci giorni di festeggiamenti durante i quali la città di Acireale si animerà dei colori di una tradizione ultrasecolare: concorsi mascherati, sfilate di giganteschi carri in cartapesta e tanto divertimento con feste, spettacoli ed eventi enogastronomici e culturali.

L’apertura ufficiale del Carnevale di Acireale è fissata questo weekend, quando verranno inaugurate le Mostre del Carnevale e presentati i carri allegorici i quali, accompagnati da bande musicali internazionali, creeranno la corte della “Regina del Carnevale” che insieme a “Re Burlone” riceverà le chiavi della città.

Da giorno 8 in poi gli appuntamenti carnavaleschi si susseguiranno a ritmo incalzante e tra i più attesi sicuramente le parate dei carri allegorico-grotteschi, sapientemente lavorarati da maestri artigiani e ispirati a temi di attualità raccontanti in chiave satirica. In diverse giornate della manifestazione queste imponenti creazioni daranno il loro spettacolo attraverso migliaia di luci, movimenti meccanici straordinari e scenografie in continua evoluzione. Attesa anche la sfilata delle macchine in fiore, in programma lunedì 12 febbraio, con soggetti interamente realizzati con fiori veri, disposti uno a fianco all’altro, e dotati anch’essi di movimenti meccanici e luci.

L’allegria del Carnevale in Sicilia in questo periodo si diffonde poi in tutta l’isola. Altre località, infatti, sono conosciute per il loro Carnevale. Dal 3 al 13 febbraio si svolgerà il Carnevale di Misterbianco, provincia di Catania, dove i veri protagonisti sono i magnifici costumi relizzati a mano che mostrano l’estro e la fantasia dell’artigianato locale. In provincia di Agrigento, dall’8 al 13 febbraio si potrà assistere al Carnevale di Sciacca, un evento che anno dopo anno attira numerosi visitatori curiosi di assistere alla parata dei grandi carri di cartapesta e costumi che richiamano le tradizioni del posto. Il Carnevale di Regalbulto, in provincia di Enna, invece non deve la sua fama ai carri o alle sue maschere. La particolarità in questo caso è rappresentata dai balli tradizionali che avverranno nella piazza principale del paese dall’ 8 al 13 febbraio. Danze in maschera realizzate da 12 gruppi che traggono ispirazione da antiche celebrazioni per dare il benvenuto alla primavera.

Sono poi tanti altri i centri siciliani in cui in questo periodo impazzerà l’euforia del Carnevale. Anche nella nostra bella Taormina è in programma un’ allegra e colorata sfilata dei carri allegorici e tanta animazione per grandi e bambini dall’8 al 13 febbraio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *