Le Gole dell’Alcantara diventano “L’Infernu di Dante”

Le Gole dell’Alcantara sono il luogo scelto per rappresentare “L’Infernu di Dante”. Il fiume e le pareti di pietra lavica faranno da sfondo alla messa in scena del poema dantesco, tradotto in siciliano da Tommaso Cannizzaro. Lo spettacolo, con la regia di Berta Ceglie, debutterà sulle rive del fiume l’11, il 12 e il 13 […]

Le Gole dell’Alcantara sono il luogo scelto per rappresentare “L’Infernu di Dante”. Il fiume e le pareti di pietra lavica faranno da sfondo alla messa in scena del poema dantesco, tradotto in siciliano da Tommaso Cannizzaro. Lo spettacolo, con la regia di Berta Ceglie, debutterà sulle rive del fiume l’11, il 12 e il 13 agosto.

In 34 minuti alcuni dei personaggi più celebri dell’Inferno di Dante, come Paolo e Francesca, Caronte, Ulisse e Farinata degli Uberti, trasposti in siciliano, saranno recitati sulle sponde e nelle acque del fiume, alla luce delle fiaccole, in uno spettacolo realizzato con attori, artisti del fuoco, mimi e danzatori.

La regista Berta Ceglie vestirà i panni di Dante Alighieri. Una scelta che vuole consegnare al pubblico una rilettura di questa figura attraverso un modo di sentire, di vivere e di amare al femminile. Insieme a lei a presentare “L’Infernu di Dante” saranno gli attori Camillo Sanguedolce (Caronte, Brunetto Latini), Tecla Guzzardi (Francesca), Elmo Ler (Farinata), Antonio Marino (Ulisse), Sebastiano Mancuso (Conte Ugolino). La figura di Virgilio sarà resa in scena dal mimo Rosario Vasile con la voce fuori campo di Giovanni Anzalone. Lo spettacolo sarà arricchito dagli interventi della Compagnia City Ballet e dai manipolatori di fuoco Anima Ignis. I costumi sono di Gabriella Ferrera, i movimenti scenici di Sergio Platania e gli effetti sonori di Sergio Greco.

Lo spettacolo è promosso dal Centro Cultura Mediterranea e prodotto con il contributo dell’Assessorato Regionale Turismo, Sport e Spettacolo, Comune di Motta Camastra, Parco fluviale dell’Alcantara, Associazione Albergatori di Taormina e Video Bank partner tecnologico. Ogni sera tre repliche a partire dalle 20.45 a distanza di circa 15 minuti. Gli spettatori, a gruppi di 200, seguiranno dalla riva, attori, mimi e danzatori saranno nella lingua di terra che si allunga sul fiume, mentre sulla riva opposta ci saranno i dannati e i diavoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *